4- PSYCOVALIA: LA SUPERSTRADA DEI RICORDI

Da qualche mese, e con cadenza bisettimanale, nel ritorno serale a casa capita che l'occhio mi cada su un scritto appeso da qualche parte attorno alla stazione – ora in forma di volantino, magari scolorito dalla pioggia, ora sub specie di lenzuolone con scritta spray, a penzolare da qualche balcone...

3 - PSYCOVALIA: L'annosa Questione della "vittoria Morale"

Sono sempre stato un affezionato frequentatore della categoria di "vittoria morale"... o almeno, e più frequentemente, di quella di "pareggio morale"... In sostanza: si è perso, ma per una serie variegata di cause – dall'aver giocato meglio alla sfortuna che quel giorno ci si è appollaiata sulla spalla – è come se si avesse vinto, o pareggiato.

2 - PSYCOVALIA: LIMONOW

Limonov, granata e limone. Personaggio inquieto, estremo, figlio degenere della "grande madre Russia" nei suoi anni più degenerati. Una biografia, questa di Emmanuel Carrère, a tratti insostenibile come un dente strappato, un pugno fortissimo allo stomaco o un vasetto di mostarda cremonese. Limonov, alias Eduard Veniaminovich Savenko, che nella sua vita ha fatto di tutto, dal poeta al soldato, dal giornalista al maggiordomo, di tutto, ma niente sport, figuriamoci il rugby.

1 - PSYCOVALIA: IL RUGBY E LA GUERRA; UNA ACIES!!

IL RUGBY E LA GUERRA: UNA ACIES!!

In uno dei suoi spettacoli il miiitico Paolini – no, non Gabriele, il "disturbatore televisivo", quel tomo buffo, diciamo tomino va', che appare spesso alle spalle di un cronista o inviato tv; no, non lui, ma Marco, l'attore di "teatro civile", veneto di Belluno & appassionato di rugby – sosteneva che il rugby sta al calcio come la Prima guerra mondiale sta alla Seconda:

PSYCOVALIA: LA NUOVA RUBRICA RUGBY ADDICT!!


Avete mai notato che tendiamo a vedere ovunque le cose che più ci interessano? Cose a cui magari nessun altro fa caso, tipo, chessò, gli adesivi metal – se ci piace la musica metal – sulle auto, la scritta "bimbi a bordo" quando ci sta per nascere un figlio e via dicendo?

Sito web realizzato da Roberto Codognesi - CRC group