U18: RHO BERGAMO 21 - 6

Prima di ritorno al Molinello questa domenica con i ragazzi della U18 chiamati a dimostrare che l'ottima prestazione con il Parabiago non fosse casuale ma frutto di un progresso tecnico e di gioco.
L'appuntamento è con il Bergamo squadra che all'andata si era dimostrata tosta e indomabile limitando il passivo nel primo tempo ,la frazione di gioco meglio interpretata dai nostri in tutto questo campionato, e risalendo la china nel secondo tempo fino al pareggio.
Condizioni climatiche ideali ,terreno in discrete condizioni , ben 3 cambi a disposizione, finalmente si ode il fischio di inizio. Ci si aspetta cariche forsennate,cozzi ,stridore di denti, terreno tremante dalle cariche di possenti uomini di mischia e scie di polvere dei velocissimi trequarti.
Nulla di tutto ciò! Scorrono i minuti e non succede nulla sembra di vedere quegli incontri di judo in cui i due atleti passano il tempo a tirarsi per il kimono senza concludere nulla fino a quando l'arbitro si arrabbia e penalizza i concorrenti. Solo che in campo di atleti ce n'erano 30 a girare a vuoto. Forse chi sa di rugby si sarebbe dilungato sulla qualità della fase difensiva ma di azioni non se ne vedono e ci si annoia. Falli si, tanti! I nostri ragazzi vengono puniti 3 volte nei primi 5 minuti , l'uomo in giallo col fischietto è piuttosto contrariato e lo manifesta al nostro Capitano.
La disciplina migliora, il gioco no. Se Dio vuole finisce il primo tempo 6 a 3 per gli Orobici.
Alla ripresa la solfa non cambia, la partita genera lo stesso entusiasmo della visione del mitico film " la corazzata Potemkin".
Al decimo però si verifica il punto di rottura o "di fine rottura ": i Bergamaschi sono impegnati a vincere la resistenza della nostra difesa ai 30 metri che però regge egregiamente, passaggio incauto dell'ovale che viene intercettato dal nostro Carucci nel quale scatta il suo pavloviano riflesso di schiantarsi contro l'avversario più vicino, quindi comincia mulinare con le gambe col risultato di scavalcare tutta la linea difensiva e seminando tutti gli avversari fino a schiacciare il pallone in meta, visibilmente contrariato di non avere steso nessun bergamasco.
Meta da 7 punti,regalata, non meritata ma in grado di far scattare qualcosa nella testa dei nostri U18 che finalmente decidono di partecipare alla gara ; progressivamente diventano padroni del gioco ma non della disciplina. Paolo si becca un giallo ma anche in 14 si produce un bottino di 2 punizioni e una meta al 31' spettacolare, corale, da palla che viaggia veloce fra le mani dei ragazzi fino a Garrone che finalizza per il risultato finale di 21 a 6 a dimostrazione che se i ragazzi vogliono giocare possono anche vincere le partite
Seconda vittoria di fila che dà morale e fiducia ai ragazzi soprattutto in vista della difficile trasferta di domenica prossima quando si incontrerà una squadra di alta classifica .
Nella speranza che la fase difensiva si mantenga di buon livello come si è visto nelle ultime due occasioni e che si osi di più in attacco si comunica ai diretti interessati che le partite iniziano quando l'arbitro fischia e durano 70 minuti
Complimenti ragazzi e domenica prossima fateci sognare.
Buon rugby a tutti
The Doc

Tabellino:

1T: 2' cp Bergamo, 8' cp Dudley, 18' cp Bergamo

2T: 10' m Carucci +t Dudley, 22' e 25' cp Dudley, 31' m Garrone

 

Questo articolo è stato visto: 219 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sito web realizzato da Roberto Codognesi - CRC group