U14: RUGBY RHO VS CERNUSCO RUGBY 5-53

Se non sei atleticamente prestante, non corri veloce, non sei magari titolare, ma in campo sei disciplinato, mantieni la posizione, fai il tuo compito con precisione coordinandoti con gli altri, allora la tua squadra avrà fra le sue fila un giocatore più forte di quel che sei individualmente. E una squadra composta da giocatori forti, anche quando perde, lo fa a testa alta. Perchè nel rugby vince sempre il più forte e di fronte ad un avversario, per l'appunto, più forte, non puoi che perder con onore.


Se sei atleticamente prestante, veloce nella corsa, sai placcare in modo efficace e hai mani buone , ma in campo non sei disciplinato, non osservi la posizione dei tuoi compagni, sali in difesa creando buchi perchè non adegui la tua velocità a quella della linea difensiva, perchè pensi di poter giocare tu in tutti i ruoli, allora la tua squadra avrà fra le sue fila un giocatore più debole di quel che sei individualmente. E una squadra composta da giocatori deboli, anche quando vince, lo fa senza gloria, per una mera somma di punti.
Sabato 18 a Cernusco i ragazzi della U14 hanno perso con i padroni di casa, subendo un 53 a 5 che rispecchia tutti gli errori commessi dall'intera squadra e riconducibili a quanto detto sopra: mancanza di disciplina da parte di tutti. I più forti, indisciplinati, hanno creato buchi nella linea difensiva e lasciato sguarnita la propria posizione nel tentativo, inutile nel rugby, di giocare ovunque. I meno strutturati, indisciplinati altrettanto, non si sono presi le respnsabilità dei loro singoli ruoli, non hanno messo la faccia nelle ruck, non hanno chiamato la linea. Questi i fatti, non certo una mera critica. Intendiamoci, qualsiasi ragazzo che entri in campo merita il massimo del rispetto, indipendentemente dagli errori che commetterà. E' lui che sta andando a giocare e a prendersi una discreta quantità di botte. Questa analisi vuol essere solo di supporto a ricavare, anche da una così pesante sconfitta, qualche cosa di buono su cui riflettere per migliorare.
Riguardo la partita, complimenti al Cernusco che negli ultimi mesi ha dimostrato di esser cresciuto e che sabato ha rispettato gli amici bianco rossi - alcuni di questi ragazzi ormai si conoscono, fra le squadre, da quando facevano la prima elementare, molti hanno partecipato assieme a camp esitivi - , giocando al massimo dal primo all'ultimo minuto.
Unico fatto degno di nota da parte del Rho, la meta, scaturita da una giocata "furba" del capitano e del vice, a onor del vero, fra i pochi in campo a cercare di portare ordine e disciplina nel gioco del Rho.

Zac

QUI LE FOTO DEL SABINO

Cernusco 2 20170318

Questo articolo è stato visto: 243 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sito web realizzato da Roberto Codognesi - CRC group