U12: TÈ E RUGBY...ANCHE SE NON SIAMO INGLESI!

 

Oggi il padrone di casa era l'Asd Rugby Varese ed in campo si sono presentati, oltre a noi e a Varese, Parabiago e parco Sempione con due squadre ognuna.

Il nostro girone prevedeva incontri con Sempione e Parabiago.

Quello odierno è stato il primo raggruppamento dell'annata sportiva con clima decisamente autunnale e stamattina, appena giunti al campo, la visione dei bicchieroni di tè caldo è stata confortante!

Ai nostri ragazzi invece è stato sufficiente il riscaldamento iniziale per affrontare in modo deciso la prima partita con Sempione.

Ha colpito favorevolmente l'assenza di frenesia durante le fasi della partita, anzi a tratti traspariva tranquillità da parte dei nostri quasi ad indicare che comincia ad essere abbozzata una sorta di capacità di gestione delle situazioni.

Nelle successive due partite invece si può scherzosamente affermare di aver assistito ad una lezione di fisica sulla corrente alternata per quanto visto in campo.

I ragazzi sono infatti passati da momenti di gioco di squadra sia in attacco che in difesa, in cui la palla girava bene, le zone del campo erano ben coperte ed il sostegno funzionava, ad altre in cui i sincronismi sembravano quasi in modalità moviolone.

Ma questi sono solo dettagli perché è stato evidente l'impegno che tutti i ragazzi hanno profuso negli incontri disputati.

Infine c'è un altro importante aspetto da sottolineare che esula da aspetti tecnico-tattici.

Di partita in partita traspare che sta dando i suoi frutti il lavoro impostato all'inizio dell'anno, dall'allenatore e dai collaboratori, in merito alla preparazione atletica specifica per ogni singolo giocatore e mirata al miglioramento delle capacità fisiche e di coordinazione, utili sia per la maturazione del giovane atleta sia perché necessarie per il rugbista che affronta il campo e gli avversari.

Avanti così.

Chi siamo noi? Rho! Rho! Rho!

 LINK ALLE FOTO

Questo articolo è stato visto: 95 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sito web realizzato da Roberto Codognesi - CRC group