SENIORES-C1: RHO VS IVREA 34-20

LINK ALLE FOTO

Torna a splendere il sole al Molinello, sia in senso meteorologico che sportivo.
Un disco infuocato accoglie gli atleti a centrocampo per il saluto di rito; anche questa volta la fisicità della squadra avversaria dà subito all'occhio , saranno mazzate , ma non importa i Rhodensi devono far dimenticare le opache prestazioni precedenti.


Al fischio di inizio i biancorossi scattano come delle molle e finalmente menano la danza ad un ritmo incalzante. Gli Eporediesi sembrano storditi dalle sortite dei Rhodensi che dopo solo 2 minuti passano in vantaggio: conquistata una palla a centrocampo si innescano le lepri dei trequarti che di slancio superano la prima linea avversaria, finalmente l'ovale passa dal compagno abbattuto a quello in sostegno finché Felline, trovato lo spazio giusto schiaccia in meta. Armadillo trasforma (7-0).
Rho c'è e continua a ubriacare i Verdi che però non stanno a guardare e cercano di prendere le misure . L'ottima fase difensiva dei Rhodensi, unica nota positiva delle precedenti gare, permette di rintuzzare tutte le iniziative degli avversari che però devono nuovamente capitolare grazie a una veloce folata offensiva dei nostri . Il terminale di questa azione è Ricco F che fà sedere un paio di avversari e realizza. Questa volta Armadillo non centra i pali (12-0).
Forse precocemente appagati o forse per recuperare lo sforzo iniziale, dopo la seconda meta, i Nostri scalano la marcia . Due schianti di mischia micidiale a centro campo e i Rhodensi perdono il pallone per non rivederlo più , o quasi, per tutto il resto del primo tempo anche se Armadillo al 34' realizza una punizione (15-0). La disciplina continua a farci difetto, anche in questa partita ci vengono sventolati sotto il naso 2 gialli, e le punizioni , domenica , facevano tanto male perché il bombardiere verde designato era particolarmente preciso e dava delle pedate tali da mangiarci 40 metri a botta,è così che al 38' i Verdi ottengono una touche a pochi metri dalla linea di meta , maul e meta.
Copione visto e rivisto , l'arbitro dice che per il momento può bastare e fischia la fine del primo tempo (15-5).
Il secondo tempo non vede i biancorossi accelerare , si torna a vedere muscoli tesi , volti congesti e paonazzi, giugulari gonfie nello sforzo di spinta fino all'ennesima punizione per i Verdi e con azione fotocopia della precedente altra maul vincente che porta gli ospiti a soli 5 punti di distanza (15-10).
Questo giro peró i ragazzi reagiscono, di nuovo c'è che si parlano, chiamano le giocate ,corrono e ai piemontesi comincia a girare la testa come all'11 quando una veloce e soffocante serie di pick and go dei biancorossi costringe i Verdi a una serie di falli tale da concederci la meta tecnica che con il nuovo regolamento sono 7 punti in saccoccia.
L'arrembaggio continua e Ivrea capitola ancora (Zaccaria) 4 minuti dopo.
Si respira una nuova aria in campo , la partita scorre vivace ,momenti statici pochi ma quando si realizzano Rho corre sempre dei rischi infatti al 23' nel corso di una rack, l'ovale in possesso del Nostri fuoriesce dal groviglio umano,abbandonata a se stessa, l'ala avversaria se ne impossessa e si trova una prateria, non presidiata , da percorrere a grandi falcate fino alla meta ,disturbato solo da un disperato ma vano tentativo di placcaggio del nostro estremo che si vendica 5 minuti dopo finalizzando un'altra fulminante azione offensiva.
Il gigante eporediese a questo punto carica a testa bassa, ferito ma mai domo schiaccia i biancorossi nella propria area di meta per lunghissimi penosissimi minuti. Rho non cede, Ivrea guadagna punizioni su punizioni , cerca il punteggio pieno, non si accontenta dei 3 punti; per fallo ripetuto prendiamo un altro giallo ma quell'ultimo metro alla meta Ivrea non riesce a percorrerlo, alla fine il fallo lo fanno loro e Rho può liberare.
Un capolavoro difensivo,forse la più bella e appassionante pagina scritta in questo campionato dai nostri atleti, viene vanificato da una colossale ingenuità all'ultimo giro di orologio.
Addirittura rubiamo palla in touche sui 30 metri ma la palla per un incauto controllo viene sottratta da un veloce avversario , la potente mischia fa il resto e subiamo la quarta meta concedendo il punto difensivo ai nostri concorrenti e fissando il risultato a 34 a 20
Sicuramente una partita non perfetta ma un deciso passo avanti rispetto alle precedenti prestazioni. Più voglia di giocare, una migliore adattabilità alle caratteristiche dell'avversario maggior dialogo in campo ,hanno permesso,seppur in maniera non continuativa, di far emergere le potenzialità tecniche della nostra compagine.
Resta da lavorare ancora sulla disciplina , la trasmissione dell'ovale e sulle ingenuità ma il campionato è lungo e l'impegno dei ragazzi tanto i risultati sicuramente arriveranno
Buon rugby a tutti

 

the Doc

Felline, Gatti, Angius (Destro), Ricco D, Cortellazzi, Armadillo, Ribatti (Faedda), Dassi, Ricco F (Di Marco), Zaccaria, Vachino (Docinto), Capitaneo, Sacchi (Capitaneo), Angioni, Giannotti n.e. Galli, Rosatto

1T: 2'  Felline + t, 18' Ricco F, 34' cp Armadillo, 38' m Ivrea

2T: 4' m Ivrea, 11' meta tecnica Rho, 15'  Zaccaria, 23' m Ivrea, 28'  Felline + t, 40' m Ivrea

Trasformazioni: Armadillo (2/4)

Gialli: Sacchi, Di Lella

Questo articolo è stato visto: 104 volte

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Sito web realizzato da Roberto Codognesi - CRC group